Progetto Actarus

Pallone sonda Open Source con ritorno autonomo al punto di lancio – basato su Arduino & Android


1 Commento

I nostri sponsors e amici

Vogliamo ringraziare vivamente innanzitutto i nostri sponsor, coloro che contribuendo materialmente al nostro progetto, lo stanno rendendo possibile.
In particolare le seguenti aziende:

Techsys s.a.s. di Pozzi G. & C., di Mazzo di Valtellina (SO), per il sostanzioso contributo economico
logotechsys

Rationes s.n.c. – Elaborazione Dati, di Tirano (SO), per il sostanzioso contributo economico
logorationes

Ivan Previsdomini – Fotografo professionista, di Tirano (SO), per il materiale fornitoci
logoprevisdomini

Viale 44 – Vodafone One, di Tirano (SO), per il materiale fornitoci
logoviale

Soltoggio Aldo di Soltoggio Simone, di Tirano (SO), per il contributo economico
logosoltoggioaldo

G.P.E. s.r.l. – Generale Polistirolo Espanso, di Sarmato (PC), per il materiale fornitoci
logogpe

Futura Elettronica (FuturaShop, Elettronica In), di Gallarate (VA), per il materiale fornitoci
logofuturaNew

T.S.A. Sas di Piani Alessandro Jr & C., di Tirano (SO), per il materiale fornitoci
logotsa

A.S.D. Valtellina per lo Sport), di Tirano (SO), per il supporto
logovs

Grazie ad Emanuele Balduzzi di Marone(BS), per i preziosi consigli.
Ed un ringraziamento particolare va al sig. Franco Gennaro dell’ENAC di Bergamo, per i preziosi aiuti che ci hanno portato ad avere le autorizzazione necessarie!!!

Grazie anche a tutti quelli che abbiamo dimenticato di inserire e che ci stanno aiutando direttamente o indirettamente alla realizzazione del progetto!

Il Team Actarus


1 Commento

Previsione dei costi

Come ogni sogno che si rispetti, ci sono ovviamente dei costi, che noi abbiamo calcolato così:
(N.B.: tali costi coprono un totale di 10 lanci e comprendono materiale di riserva, come palloni di scorta, videocamere aggiuntive, ecc.)
€ 3,500 – 12 palloni sonda da 3000g, cavi, spaghi, materiale isolante ed accessori
€ 4,000 – bombole di gas elio
€ 4,500 – videocamere ed accessori
€ 1,500 – APM 2.5 con telemetria ed accessori (ArduPilotMega – Piattaforma UAV per droni)
€ 2,500 – Alianti radicomandati (per il “Return To Launch”)
€ 3,500 – elettronica (Arduino Mega, sensori, batterie, servi, cablaggi…)
€ 2,000 – smartphones, kit di telemetria ed accessori (per la parte di comunicazione)
€ 3,500 – consulenze, avvocati, assicurazioni
€ 1,000 – viaggi
€ 1,000 – varie

Se vuoi contribuire anche con un minimo supporto, puoi farlo tramite la piattaforma IndieGogo:

http://www.indiegogo.com/projects/actarus-project/

Grazie


Lascia un commento

Alcuni links da cui partire

Progetti simili:
http://www.natrium42.com/halo/flight2
http://www.thefintels.com/aer/hab1.htm
http://www.stratospera.com/

Teoria:
http://en.wikipedia.org/wiki/High-altitude_balloon
http://www.grc.nasa.gov/WWW/k-12/Numbers/Math/Mathematical_Thinking/designing_a_high_altitude.htm

Siti utili:
Ascent Rate Calculator: http://www.cusf.co.uk/calc/
Descent Rate Caculator: http://www.onlinetesting.net/cgi-bin/descent3.3.cgi
Balloon Landing Predictor: http://habhub.org/predict/


Il Progetto Actarus

Actarus

Cos’è il Progetto Actarus?
Il progetto si propone di lanciare un payload con GPS, fotocamera, sensori e sistema di comunicazione ad un’altitudine di più di 38km con l’aiuto di un pallone riempito ad elio, e poi tornare indietro con un drone-aliante in maniera autonoma in modo che l’attrezzatura lanciata può tornare al sito di partenza.
L’obiettivo finale del progetto è quello di scattare foto e video, raccogliere dati meteorologici e per dimostrare che è possibile progettare e costruire un semplice sistema di “Return To Launch”, adatto ad altri progetti simili.
In realtà, anche se abbiamo visto che è relativamente facile lanciare questi palloni ad alta quota, il problema del recupero dell’attrezzatura, non è sempre facile, soprattutto se si vive in una zona impervia e selvaggia, come quella in cui viviamo.
La differenza principale tra il nostro progetto e altri simili, è proprio il modo in cui il payload torna sulla terra.
Oltre a questo ovviamente ci piacerebbe provare a battere il record del mondo di altitudine, attualmente di 53 km.
Tutto il progetto è open source, per cui tutte le informazioni circa l’hardware e il software utilizzato per le missioni, saranno a disposizione di tutti attraverso il nostro sito.
Riteniamo che il lavoro tecnologico alla base di questo progetto, che si basa praticamente su piattaforme Arduino e Android, una volta reso disponibile a tutti, segnerà un passo in avanti nella ricerca “near space” (spazio vicino), e può essere una fonte per altri scienziati ed hobbisti di tutto il mondo.

Chi siamo?
Siamo due amici con la passione per l’elettronica, l’avventura, e la scienza (e, naturalmente, rendere possibile l’impossibile …) :-)
Così stiamo lavorando ad alcuni progetti (questo non è l’unico!) sulla base di questi tre grandi passioni.
Tutti i progetti sono stati progettati da noi, prendendo spunto da altri progetti che abbiamo trovato in rete.
I punti di partenza sono quasi sempre Arduino, gli smartphone basati su Android, e un pizzico di follia … :-)

Cronistoria
Tutto è iniziato alla fine del 2011, quando abbiamo visto su una rivista di un lancio di palloni sonda ad alta quota (cosa a noi sconosciuta fino a quel momento), così ci siamo chiesti se saremmo stati in grado di fare una cosa del genere.
In alcuni giorni abbiamo avuto tutto il materiale per il primo lancio di prova a bassissima quota, e così è iniziata la “Era Actarus”.
Questi test si proponevano di acquisire familiaritĂ  con tutti i vari calcoli e gli strumenti necessari, e hanno prodotto risultati positivi.
I motivi per cui non abbiamo fatto prove ad alta quota sono di natura economica e giuridica: prima di iniziare con un progetto di alta quota abbiamo bisogno di un po’ più di fondi (nel test abbiamo usato dei classici palloncini e vecchi smartphone a bassa risoluzione) e alcune autorizzazioni rilasciate dall ENAC (L’Ente Nazionale dell’Aviazione Civile).

Il futuro
Così, dopo una pausa di circa un anno, durante il quale abbiamo continuato a lavorare in background per studiare i dettagli del nostro progetto, siamo quasi pronti per i lancio definitivi.
Il tutto avverrĂ  attraverso una serie di lanci successivi in cui ogni lancio fornirĂ  una serie di informazioni utili per il lancio successivo.
Questi lanci si svolgeranno presumibilmente a partire dal mese di giugno 2013.
Ora ci manca solo qualche fondo per realizzare il nostro progetto.
Se vuoi puoi contribuire anche con poco: dai un’occhiata a questo post, o effettua una donazione attraverso la piattaforma IndieGoGo all’indirizzo http://igg.me/at/actarus
Grazie

L & A